Infovaticana
Papa Francesco all’Udienza Generale: «la speranza è entrata nel mondo con il Natale»
a1, News, Udienze Generali

Papa Francesco all’Udienza Generale: «la speranza è entrata nel mondo con il Natale»

Salvatore Tropea
21 dicembre 2016

«La speranza è entrata nel mondo con l’’incarnazione del Figlio di Dio e questa è l’unica certezza che salva, perché ci dobbiamo mettere in testa che le nostre sicurezze personali e materiali non ci salvano». Sono le parole di Papa Francesco questa mattina, durante la consueta Udienze Generale del mercoledì, svoltasi in Aula Paolo VI in Vaticano.

Il Pontefice ha proseguito la sua catechesi sul tema della speranza, soffermandosi sul tempo di Avvento e – oggi in particolare – sui significati del Presepe. «Quando si parla di speranza – ha affermato – spesso ci si riferisce a ciò che non è in potere dell’uomo e che non è visibile. In effetti, ciò che speriamo va oltre le nostre forze e il nostro sguardo. Ma il Natale di Cristo, inaugurando la redenzione, ci parla di una speranza diversa, una speranza affidabile, visibile e comprensibile, perché fondata su in Dio». Infatti, con il Natale, «la speranza è entrata nel mondo attraverso l’incarnazione del Figlio di Dio, poiché è Dio stesso ad adempiere la promessa facendosi uomo; dunque non abbandona il suo popolo».

Francesco si è poi appunto soffermato sulle raffigurazioni tradizionali della natività. «Nelle case dei cristiani, durante il tempo di Avvento – ha detto – viene preparato il presepe, secondo la tradizione che risale a san Francesco d’Assisi. Nella sua semplicità, il presepe trasmette speranza; ognuno dei personaggi è immerso in questa atmosfera di speranza. Prima di tutto – ha proseguito – notiamo il luogo in cui nacque Gesù: Betlemme. Betlemme non è una capitale, e per questo è preferita dalla provvidenza divina, che ama agire attraverso i piccoli e gli umili». All’interno del presepe è poi fondamentale la presenza di Maria, “Madre della speranza”. «Con il suo “sì”- ha sottolineato il Santo Padre – Maria ha aperto a Dio la porta del nostro mondo: il suo cuore di ragazza era pieno di speranza, tutta animata dalla fede; e così Dio l’ha prescelta e lei ha creduto alla sua parola».

Ponendo poi l’accento sulla povertà e l’umiltà dei pastori, Papa Francesco ha ribadito che l’unica salvezza è quella che deriva dalla speranza che il cristiano ripone nel Signore. «Chi confida nelle proprie sicurezze, soprattutto materiali non attende la salvezza da Dio. Le nostre sicurezze – ha affermato – non ci salveranno.

Concludendo la sua catechesi, Bergoglio ha quindi invitato i presenti a contemplare il presepe per prepararsi al meglio al Natale, perché il giorno della nascita di Cristo «sarà veramente una festa se accoglieremo Gesù, seme di speranza che Dio ripone nella nostra storia personale e comunitaria».

Dopo il suo discorso, Francesco ha poi rivolto un appello a tutti i congolesi, affinché «in questo delicato momento della loro storia, siano artefici di riconciliazione e di pace. Coloro che hanno responsabilità politiche – ha detto il Papa – ascoltino la voce della propria coscienza e sappiano vedere le crudeli sofferenze dei loro connazionali e abbiano a cuore il bene comune». Il Paese africano è infatti teatro, in questi giorni, di violenti scontri e tensioni politiche, soprattutto nella parte orientale.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente - dopo aver frequentato il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana - frequenta il Master in Giornalismo della Lumsa di Roma. Da aprile 2017 a giugno 2017 ha svolto uno stage di tre mesi presso Il Venerdì di Repubblica. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*