Papa Francesco ha accolto oggi la rinunzia, presentata dal cardinale Santos Abril y Castelló, dall’incarico di arciprete e amministratore della basilica papale di Santa Maria Maggiore a Roma e – come riferisce la Sala stampa vaticana e come si può leggere sul sito del Servizio Informazione Religiosa – ha chiamato a succedergli nell’incarico di arciprete della medesima basilica il cardinale Stanisław Ryłko, già presidente emerito del Pontificio Consiglio per i laici.


Mons. Rylko nasce ad Andrychów, nella diocesi di Bielsko-Żywiec, il 4 luglio 1945 e nel 1963 entra nel seminario arcidiocesano di Cracovia. Viene ordinato sacerdote il 30 marzo 1969 da quello che allora era il cardinale Karol Wojtyla.

Nel corso dei suoi studi consegue la licenza in teologia alla Pontificia facoltà teologica di Cracovia e la laurea in scienza sociali alla Pontificia Università Gregoriana di Roma. Tornato in Polonia viene nominato vicerettore del seminario maggiore di Cracovia. Dal 1978 al 1987 insegna teologia pastorale e sociologia della religione alla Pontificia facoltà teologica di Cracovia; nel 1979 diventa segretario della commissione della Conferenza episcopale polacca per l’apostolato dei laici.

Nel 1987 è nominato capoufficio della sezione giovani del Pontificio consiglio per i laici: con questo ruolo organizza tre Giornate mondiali della gioventù. Viene trasferito, in seguito, alla sezione polacca della Segreteria di Stato della Santa Sede.

Il 20 dicembre 1995 Giovanni Paolo II lo nomina segretario del Pontificio consiglio per i laici e vescovo titolare di Novica; succede a Paul Josef Cordes, precedentemente nominato presidente del Pontificio consiglio “Cor Unum”. Il 6 gennaio 1996 riceve l’ordinazione episcopale. Il 4 ottobre 2003 il papa lo nomina presidente dello stesso dicastero e lo eleva alla dignità arcivescovile.

Nel concistoro del 24 novembre 2007 è creato cardinale diacono del Sacro Cuore di Cristo Re da papa Benedetto XVI. L’11 maggio 2008, in qualità di presidente del Pontificio consiglio per i laici, firma l’approvazione definitiva dello statuto del Cammino Neocatecumenale. L’8 dicembre 2010 firma l’approvazione dello statuto della Comunità Nuovi Orizzonti, fondata da Chiara Amirante nel 1993.

Cessa dall’incarico di presidente del Pontificio consiglio per i laici il 1º settembre 2016, quando per volontà di papa Francesco questo organismo viene abolito e confluisce nel dicastero per i laici, la famiglia e la vita.