Infovaticana
Da oggi al cinema “Silence” di Martin Scorsese, sulle persecuzioni dei cristiani in Giappone
a2, Dal Mondo, News

Da oggi al cinema “Silence” di Martin Scorsese, sulle persecuzioni dei cristiani in Giappone

Salvatore Tropea
12 gennaio 2017

 

Esce oggi in tutte le sale cinematografiche italiane l’ultimo film di Martin Scorsese, sulla persecuzione dei padri gesuiti e la comunità cristiana nel Giappone del ‘600. Il film vede protagonisti gli attori Andrew Garfield, Adam Driver e Liam Neeson nei panni di tre padri gesuiti perseguitati in Giappone a causa della loro fede cristiana.

La pellicola, che segna il ritorno alla collaborazione con Scorsese dello sceneggiatore Jay Cocks, è tratto dal romanzo storico Silenzio dello scrittore giapponese Shūsaku Endō, che ripropone appunto le persecuzioni subite dai cristiani durante il periodo Tokugawa nella prima metà del XVII secolo.

La narrazione inizia nel 1643, quando due giovani padri gesuiti europei, Sebastian Rodrigues e Francisco Garupe, interpretati rispettivamente da Garfield e Driver, arrivano di nascosto in Giappone per cercare notizie sul proprio confratello, padre Christovao Ferreira (inerpretato da Neeson) e per proseguire l’opera di evangelizzazione sull’esempio di Francesco Saverio, pioniere della diffusione del cristianesimo in Asia. I due missionari affrontano i pericoli e le minacce di un periodo storico segnato da forti repressioni nei confronti di fedeli cristiani e sacerdoti. Il punto di svolta della vicenda arriva quando il protagonista padre Sebastian viene rapito e imprigionato e posto davanti alla scelta dell’abiura, ovvero della rinuncia perpetua della propria fede.

Il film era già stato presentato in anteprima nella Filmoteca Vaticana lo scorso 30 novembre, alla presenza di mons. Dario Edoardo Viganò, prefetto della Segreteria per la Comunicazione, e dello stesso regista italo-americano, che ha poi incontrato in udienza privata Papa Francesco. Arrivato oggi nelle sale italiane, il film si potrebbe anche preparare a partecipare e puntare a qualche successo agli Oscar.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente frequenta il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Uso de cookies

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.