Infovaticana
Francesco all’Udienza Generale: «la speranza in Dio non emargina mai nessuno»
a1, a2, News, Udienze Generali

Francesco all’Udienza Generale: «la speranza in Dio non emargina mai nessuno»

Salvatore Tropea
15 febbraio 2017

Il Signore dona agli uomini una speranza tale che non delude mai e non emargina nessuno. Questo ha come fondamento l’amore stesso che Dio prova per l’umanità, un amore certo, anche se spesso noi non siamo così sicuri per ammetterlo. Con queste parole Papa Francesco è tornato oggi, durante l’Udienza Generale, a soffermarsi sul senso della speranza cristiana.

È facile dire, ha detto Francesco ai 7mila presenti in Aula Paolo VI, che Dio ci ama, ma non è così altrettanto facile dire di essere sicuri dell’amore di Dio. «È un buon esercizio – ha affermato – ripetersi questo, ovvero che Dio mi ama» perché «questa è la radice della nostra sicurezza, la radice della speranza». Una speranza che c’è anche nei momenti bui e più difficili, quando Dio non smette di amarci. Artefice e garante per alimentare la Fede e vivere questa speranza è lo Spirito, che Dio ha donato all’uomo come segno del suo amore.

«Il nostro vanto più grande – ha proseguito – sarà quello di avere come Padre un Dio che non fa preferenze, che non esclude nessuno, ma che apre la sua casa a tutti gli esseri umani, a cominciare dagli ultimi e dai lontani, perché come suoi figli impariamo a consolarci e a sostenerci gli uni gli altri». Il vantarsi, però, ha spiegato il Pontefice citando un passo della Lettera ai Romani, non è una buona pratica perché – e cita la sua terra, in un paragona non molto diverso dalla nostra visione – «quelli che si vantano li chiamano pavoni». In questo senso, vantarsi di quello che si è o di quello che si possiede rappresenta una «mancanza di rispetto nei confronti degli altri, specialmente verso coloro che sono più sfortunati di noi».

Nonostante questo, Paolo invita a vantarsi «dell’abbondanza della grazia» di cui ci ha pervasi Cristo e questo è giusto perché ad agire bene non è l’uomo, ma è anzitutto Dio. «È lui il protagonista assoluto, che crea ogni cosa come un dono d’amore, che tesse la trama del suo disegno di salvezza e che lo porta a compimento per noi, mediante il suo Figlio Gesù».

Francesco ha poi messo in relazione la speranza in Dio e nella sua opera di amore, con la pace di cui i cristiani si devono fare portatori, perché avere speranza nel Signore significa essere in pace con se stessi e saperla trasmettere «a tutti gli ambiti e a tutte le relazioni della nostra vita: siamo in pace con noi stessi, siamo in pace in famiglia, nella nostra comunità, al lavoro e con le persone che incontriamo ogni giorno sul nostro cammino».

Il Santo Padre ha poi però spiegato che la pace che offre il Signore non significa «l’assenza di preoccupazioni, di delusioni, di mancanze, di sofferenza». Anche San Paolo, infatti, affermava che «la pace che scaturisce dalla fede è un dono», perché rappresenta la consapevolezza che la misericordia e la bontà di Dio non ci abbandonano neanche «nei momenti più duri e sconvolgenti».

Concludendo la sua catechesi – e durante i saluti finale nelle varie lingue del mondo – il Papa ha esortato a promuovere sempre «una cultura inclusiva per le persone sole e per i senza fissa dimora». Francesco ha inoltre ricordato che ieri la Chiesa ha fatto memoria dei santi Cirillo e Metodio, patroni d’Europa, che sono stati oggetto anche della sua omelia a Santa Marta. «Questi due fratelli di Salonicco – ha affermato – ancora oggi ricordano all’Europa, e a noi tutti, il bisogno di mantenere l’unità della fede, la tradizione, la cultura cristiana e di vivere ogni giorno il Vangelo. Infine i ringraziamenti per il Coro Prealpi di Villapedergnano-Erbusco e per le Note Ascendenti di Sant’Eufemia-Lamezia Terme, che si sono esibiti durante l’Udienza.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente - dopo aver frequentato il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana - frequenta il Master in Giornalismo della Lumsa di Roma. Da aprile 2017 sta svolgendo uno stage di tre mesi presso Il Venerdì di Repubblica. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*