Infovaticana
Francesco all’Udienza: «Quaresima tempo di speranza, ma non si va in paradiso con la carrozza»
a2, Udienze Generali

Francesco all’Udienza: «Quaresima tempo di speranza, ma non si va in paradiso con la carrozza»

Salvatore Tropea
1 marzo 2017

Inizia oggi, con il mercoledì delle ceneri, il tempo liturgico della Quaresima e la consueta udienza generale di Papa Francesco si è soffermata proprio su questo periodo di penitenza, ma allo stesso tempo di speranza. Citando don Bosco, il Pontefice ha spiegato ai fedeli presenti in piazza San Pietro che «non si va in paradiso in carrozza».

I quaranta giorni della Quaresima, ha detto il Santo Padre, sono illuminati dal mistero della Pasqua, poiché è un periodo di cammino verso il Signore, che risorgendo rappresenta la Luce che illumina le tenebre. «È un periodo di penitenza – ha spiegato – anche di mortificazione, ma non fine a sé stesso, bensì finalizzato a farci risorgere con Cristo, a rinnovare la nostra identità battesimale», cioè a rinascere grazia all’amore di Dio.

Francesco ha poi commentato il Libro dell’Esodo e la vicenda dell’uscita del popolo d’Israele dalla terra d’Egitto. Il cammino che il popolo prescelto compie nei 40 anni successivi, fino all’arrivo nella Terra promessa, è secondo il Papa «un cammino compiuto nella speranza: la speranza di la speranza di raggiungere la Terra». Per questo motivo ha senso chiamarlo “esodo”, in quando uscita dalla schiavitù verso la libertà. «Ogni passo, ogni fatica, ogni prova, ogni caduta e ogni ripresa – ha proseguito – ha senso solo all’interno del disegno di salvezza di Dio, che vuole per il suo popolo la vita e non la morte, la gioia e non il dolore».

In modo parallelo, con la venuta di Cristo, la sua Pasqua rappresenta il suo esodo, la liberazione degli uomini dalla schiavitù del peccato. «Ma questo – ha precisato il Papa – non vuol dire che Lui ha fatto tutto e noi non dobbiamo fare nulla, che Lui è passato attraverso la croce e noi ‘andiamo in paradiso in carrozza’. Non è così. La nostra salvezza è certamente dono suo – ha ribadito – ma, poiché è una storia d’amore, richiede il nostro ‘sì’ e la nostra partecipazione, come ci dimostra la nostra Madre Maria e dopo di lei tutti i santi».

Allo stesso modo, così come Gesù nel deserto ha vinto il Tentatore, anche i cristiani, ha sottolineato Francesco, devono essere pronti ad affrontare le tentazioni e, con l’aiuto del Signore, a superarle. «Lui ci dona l’acqua viva del suo Spirito, e a noi spetta attingere alla sua fonte e bere, nei Sacramenti, nella preghiera, nell’adorazione; Lui è la luce che vince le tenebre, e a noi è chiesto di alimentare la piccola fiamma che ci è stata affidata nel giorno del nostro Battesimo».

Concludendo la sua catechesi, Papa Francesco ha infine evidenziato come la Quaresima rappresenti un cammino e un «segno sacramentale della nostra conversione», che va rinnovato giorno dopo giorno e attraverso il quale si forma la speranza di ogni cristiano.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente - dopo aver frequentato il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana - frequenta il Master in Giornalismo della Lumsa di Roma. Da aprile 2017 a giugno 2017 ha svolto uno stage di tre mesi presso Il Venerdì di Repubblica. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*