Infovaticana
Il Papa a Santa Marta: «il digiuno significa aiutare il prossimo, non prendere tangenti»
a1, a2, News, Santa Marta

Il Papa a Santa Marta: «il digiuno significa aiutare il prossimo, non prendere tangenti»

Salvatore Tropea
3 marzo 2017

Il vero digiuno della Quaresima e dei venerdì è quello di sporcarsi le mani e impegnarsi nell’aiutare il prossimo, affari disonesti e vanità sono partiche sporche e false, come se fossero tangenti. Con queste parole si è rivolto Papa Francesco ai fedeli presenti alla messa mattutina a Casa Santa Marta.

Come sempre il Pontefice ha preso spunto per la sua omelia dalle letture odierne, che parlando appunto di digiuno, che rappresenta la «penitenza che noi siamo invitati a fare in questo tempo di Quaresima». La prima lettura, in particolare, tratta dal Libro del profeta Isaia, parla del rimprovero di Dio alla falsa religiosità di chi digiuna curando però i propri affari sporchi. Questo tipo di digiuno, ha spiegato il Papa, è «un digiuno ipocrita, fatto per farsi vedere o per sentirsi giusto», ma nel frattempo si compiono ingiustizie. Francesco ha quindi raccontato quanto successo al padre gesuita Predo Arrupe in Giappone, che ricevette da un ricco uomo d’affari una busta con una donazione. Mentre gli veniva consegnata la donazione erano presenti un giornalista e un fotografo, ma la busta conteneva soltanto 10 dollari. Questo è quello che il Papa ha chiamato una “tangente della vanità”, per farsi notare e vedere. Sempre citando la prima lettura, ha affermato che le parole di Isaia sul digiuno sembrano dette «per i nostri giorni». Il profeta infatti afferma: «Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo? Non consiste forse nel dividere il pane con l’affamato, nell’introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo senza trascurare i tuoi parenti?».

Francesco ha concluso invitando a pensare a queste parole, a pensare a come si può sentire un uomo che spende molto per se stesso ma poi non si ferma per aiutare chi, davvero affamato e in difficoltà, chiede un po’ di aiuto.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente - dopo aver frequentato il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana - frequenta il Master in Giornalismo della Lumsa di Roma. Da aprile 2017 a giugno 2017 ha svolto uno stage di tre mesi presso Il Venerdì di Repubblica. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*