Infovaticana
Il Papa a Santa Marta: «l’accidia ci paralizza, alziamoci e viviamo la nostra vita»
a1, a2, News, Santa Marta

Il Papa a Santa Marta: «l’accidia ci paralizza, alziamoci e viviamo la nostra vita»

Redazione Infovaticana
28 marzo 2017

Un cristiano deve vivere la sua vita così come è, con gioia e speranza e senza accidia perché è un peccato che paralizza. Questo il tema principale dell’omelia di oggi di Papa Francesco alla messa a Casa Santa Marta.

Il Pontefice ha preso spunto dal Vangelo di oggi che narra la vicenda della guarigione del paralitico che però, alla domanda di Gesù se volesse guarire, risponde in modo insolito, dicendo di non avere nessuno che lo aiuti ad immergersi nella piscina con i cinque portici. Una risposta che è quasi una lamentela, come ha sottolineato il Papa, perché il paralitico è come l’albero piantato lungo i corsi d’acqua di cui parla il primo Salmo. «Questo si capisce dall’atteggiamento – ha precisato Francesco – dalle lamentele e anche sempre cercando di dare la colpa all’altro» perché il paralitico se la prende con gli altri che vanno nella piscina prima di lui e si auto commisera. «Questo – ha detto il Papa – è un brutto peccato, il peccato dell’accidia. Quest’uomo era malato non tanto dalla paralisi ma dalla accidia, che è peggio di avere il cuore tiepido, peggio ancora». Il Pontefice ha infatti spiegato che l’accidia significa «non avere voglia di andare avanti, non avere voglia di fare qualcosa nella vita, aver perso la memoria della gioia».

Gesù non rimprovera il paralitico, ma gli dice: «alzati, prendi la tua barella e cammina». Il paralitico guarisce, ma poiché era sabato, i dottori della Legge gli dicono che non gli è lecito portare la barella e gli chiedono chi l’abbia guarito in questo giorno. Il paralitico – ha fatto notare il Papa – non aveva neanche detto grazie a Gesù, non gli aveva chiesto nemmeno il nome. «L’accidia – ha ribadito il Papa – è un peccato che paralizza, ci fa paralitici. Non ci lascia camminare. Anche oggi il Signore guarda ognuno di noi, tutti abbiamo peccati, tutti siamo peccatori ma guardando questo peccato ci dice di alzarci».

«Se noi diciamo al Signore sì, voglio guarire, Signore, aiutami che voglio alzarmi – ha concluso Francesco – sapremo com’è la gioia della salvezza».

Redazione Infovaticana

Infovaticana.it è un nuovo portale di informazione cattolica, che si prefigge l’obiettivo di trattare le notizie e gli avvenimenti che riguardano il mondo della Chiesa. Non solo le varie attività del Pontefice, ma anche ciò che accade in ambito locale, nazionale e internazionale.

Gestito da un gruppo di ferventi laici impegnati da sempre all’interno della vita della Chiesa Universale e a sostegno di essa, il Portale, indipendente da qualsiasi istituzione, si pone, tra gli obiettivi, di veicolare la cultura cattolica nella vita quotidiana, nel lavoro e nel sociale, attraverso gli insegnamenti del Vangelo e del Magistero.

Tra gli obiettivi del sito anche quello di raccontare il volto umano della Chiesa, analizzando l’attualità per trasmettere un messaggio che possa favorire l’interazione, il dialogo ed essere quindi uno strumento di evangelizzazione, diretta e indiretta, attraverso il Web e i Social Media, che lo stesso Santo Padre ha definito “un dono di Dio” e un luogo “ricco di umanità, non una rete di fili ma di persone umane” (dal Messaggio per la XLVIII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, 24 gennaio 2014).

@infovaticanaIT


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*