Infovaticana
Il 3 giugno in Vaticano il “Treno dei bambini”, che hanno sofferto per il terremoto del centro Italia
a1, a2, Dal Vaticano, News

Il 3 giugno in Vaticano il “Treno dei bambini”, che hanno sofferto per il terremoto del centro Italia

Salvatore Tropea
17 maggio 2017

Quattrocento bambini, che hanno visto le loro case tremare e cadere giù, alcuni di loro perdendo anche alcuni familiari, nel terremoto che lo scorso agosto – e poi ad ottobre – ha devastato il centro Italia. Accumoli, Amatrice, Norcia, Arquata del Trono. Nomi dei paesi ormai tristemente noti per essere stati sconvolti dal sisma, ma che stanno pian piano risorgendo. E chi non perde la speranza sono le persone e, in particolare, i piccoli abitanti – appunto quattrocento – che il prossimo 3 giugno incontreranno in Vaticano Papa Francesco, grazie all’iniziativa del “Treno dei bambini”, promossa dal Pontificio Consiglio per la Cultura.

L’incontro di giugno, per il quale le Ferrovie dello Stato hanno messo a disposizione una Freccia che entrerà direttamente in Vaticano, rappresentato la conclusione del progetto che vede proprio i bambini come “custodi” della propria terra e che è stata presentato nella sede del dicastero alla presenza del presidente del Senato Pietro Grasso. L’idea, nata da qualche anno per iniziativa del “Cortile dei Gentile”, quest’anno affiderà quindi ai piccoli viaggiatori la missione di farsi “ambasciatori” di un ambiente che deve essere custodito con amore e cura dall’uomo. Nel comunicato ufficiale si legge infatti che «non potremo mai impedire le catastrofi, ma molto possiamo fare per rispondere al pericolo in maniera efficace».

A Papa Francesco, i piccoli protagonisti, racconteranno i momenti di difficoltà e le paure che ancora si vive nei territori colpiti dal sisma, ma anche la speranza nel rimanere in una Terra, vista pur sempre come una madre.

Salvatore Tropea

Classe 1992, Calabrese, dopo aver conseguito la maturità scientifica nel suo paese (Gioiosa Ionica, in provincia di Reggio Calabria), consegue la laurea in Scienze della Comunicazione, percorso “Giornalismo, Uffici Stampa e Relazioni Pubbliche”, presso la Libera Università Maria SS. Assunta – LUMSA di Roma. Collabora da diversi anni con il mensile locale “L’Eco del Chiaro” e con il giornale studentesco della Pontificia Università Lateranense. Appassionato a livello dilettantistico di Fotografia, ha partecipato, con questo incarico, al First International Meeting of Young Catholics for Social Justice che si è svolto dal 20 al 24 Marzo 2013 a Roma e fa parte del Board dell’Osservatorio Internazionale dei Giovani Cattolici. Da diversi anni svolge servizio di volontariato a Lourdes con l’associazione scoutistica OPFB-onlus, di cui è stato responsabile nella pattuglia/staff nazionale per Foto e Video e ne cura l’aspetto social, ed è segretario del Leo Club Roma Urbe, con il quale si impegna nel sociale con varie attività di volontariato e raccolta fondi. Attualmente - dopo aver frequentato il Master di I livello in Digital Journalism presso la Pontificia Università Lateranense, con il quale ha svolto due mesi di stage presso la redazione italiana di Radio Vaticana - frequenta il Master in Giornalismo della Lumsa di Roma. Da aprile 2017 sta svolgendo uno stage di tre mesi presso Il Venerdì di Repubblica. @tropea92


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*