Infovaticana
Sudan, bambini cristiani costretti a recitare preghiere islamiche per avere cibo
a2, Dal Mondo, News

Sudan, bambini cristiani costretti a recitare preghiere islamiche per avere cibo

Redazione Infovaticana
7 settembre 2017

«I bambini cristiani nei campi profughi sudanesi sono costretti a recitare le preghiere islamiche per ricevere il cibo». La denuncia arriva direttamente da Aiuto alla chiesa che soffre, che cita – per motivi di sicurezza – una fonte anonima.

Come riportato anche da Avvenire.it sono ancora centinaia di migliaia – si stima in circa 700mila – i cristiani originari del Sud Sudan che sono rifugiati in Sudan e non sono ancora riusciti a raggiungere il proprio Paese.

La denuncia di Acs parla di condizioni drammatiche in cui si trovano le famiglie, a cui viene dato per un intero mese una porzione di cibo che basta a mala pena per un paio di settimane. All’emergenza alimentare si aggiungere però la più grave discriminazione e persecuzione in atto contro i cristiani. Avvenire.it cita le parole di Alessandro Monteduro, direttore di Acs Italia che denuncia la «piaga purtroppo diffusa in tutto il Paese».

«Nel Sudan guidato dal regime islamista di Omar el-Bashir, in cui vige la sharia – prosegue Monteduro – la persecuzione anticristiana ha raggiunto livelli gravissimi». Sono molti infatti i casi di donne arrestato per “abbigliamento indecente” oppure di chiese demolite. La motivazione ufficiale del governo è la violazione dei piani regolatori, ma è ben noto la volontà del presidente sudanese di eliminare la presenza cristiana nel Paese.

Inoltre, per quanto riguarda i rifugiati nei campi profughi, secondo la denuncia di Aiuto alla chiesa che soffre, è sempre il governo ad impedire alle organizzazioni umanitarie di vigilare sulla distribuzione degli aiuti e impedisce anche alle organizzazioni ecclesiastiche di fornire sostegno ai profughi.

Redazione Infovaticana

Infovaticana.it è un nuovo portale di informazione cattolica, che si prefigge l’obiettivo di trattare le notizie e gli avvenimenti che riguardano il mondo della Chiesa. Non solo le varie attività del Pontefice, ma anche ciò che accade in ambito locale, nazionale e internazionale.

Gestito da un gruppo di ferventi laici impegnati da sempre all’interno della vita della Chiesa Universale e a sostegno di essa, il Portale, indipendente da qualsiasi istituzione, si pone, tra gli obiettivi, di veicolare la cultura cattolica nella vita quotidiana, nel lavoro e nel sociale, attraverso gli insegnamenti del Vangelo e del Magistero.

Tra gli obiettivi del sito anche quello di raccontare il volto umano della Chiesa, analizzando l’attualità per trasmettere un messaggio che possa favorire l’interazione, il dialogo ed essere quindi uno strumento di evangelizzazione, diretta e indiretta, attraverso il Web e i Social Media, che lo stesso Santo Padre ha definito “un dono di Dio” e un luogo “ricco di umanità, non una rete di fili ma di persone umane” (dal Messaggio per la XLVIII Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, 24 gennaio 2014).

@infovaticanaIT


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*